Benedetti dall’acqua e dai colori

Un titolo come “La processione del Corpus Domini, in cui l’acqua ha spento l’incenso e l’entusiasmo ha sopraffatto il disagio” forse sarebbe stato più appropriato, ma, per una volta, lasciamo pure che uno slogan rubi le funzioni che di solito delego a fiumi, più o meno noiosi, di parole. Anche perché, stavolta, le parole stesse, le preghiere, il raccoglimento ed il silenzio nulla hanno potuto contro lo scroscio che ha travolto il corteo.

Ma questa è la cronaca. Soltanto. Infatti esserci era tutt’altro, era trasformarsi nelle altre persone, nei sorrisi, nella sorpresa di chi ti era accanto, nell’acqua che cadeva, nella corsa di chi si riparava, nei riflessi, in quel caos di pochi minuti. Esserci era partecipare all’allegria, alle canzoni sotto l’acquazzone, ai gruppi, agli scout. Esserci era vedere ragazzi tranquilli e sereni, intenti a cantare come nulla fosse. Esserci era partecipare ad un coraggio di un gruppo. Esserci era partecipare ad una gioia inattesa, di tutti e per ciascuno. Esserci era una benedizione. Esserci era arrivare, rimanendo a metà strada.

Ho amato ogni colore e ogni sorriso.

Avrei voluto abbracciare tutti. Spero di averlo fatto, almeno simbolicamente, con queste foto.

Cliccando sulle icone sottostanti si accede ad uno slide-show da cui, come sempre, è possibile visualizzare ciascuna foto alla massima risoluzione (1280 px sul lato lungo) utilizzando l’apposito link in basso a destra (“View full size”).

E’ finita qui? Beh, sì, lo sarebbe in effetti. Ma eravamo rimasti che “esserci” era forse anche una questione di fede. E cos’altro poteva sugellare questo patto d’alleanza meglio di un tramonto sul mare?
E non un tramonto qualsiasi, naturalmente. I colori dei petali dei fiori, lavati via dall’acqua del pomeriggio, erano finiti, ricamati come l’uomo mai saprebbe replicare, sulle nuvole del cielo, sui riflessi delle onde del mare. Una benedizione, nuovamente, senza incensi ed in silenzio. Finché il cielo non s’è spento del fuoco che era appena sceso.

Per concludere, visto che tutto sommato questo blog strizza l’occhio (o almeno vorrebbe farlo…) alla fotografia, tutte le foto sono state scattate con Canon 5d, Canon 17-40/4 USM L (giusto un paio), Canon 50/1.4 USM (la maggior parte… e quasi sempre con f compreso tra 1.4 e 2), Canon 200/2.8 USM L II (solo alcune all’interno della Chiesa, sempre e solo a T.A.) e Samyang 8mm/3.5 fisheye (usato su full frame, croppando poi il fotogramma, e su Sony Nex 5C: per le foto a occhio di pesce fuori sul sagrato e per quella col soffitto della Chiesa).

Stavolta è davvero tutto. Le foto non possono essere utilizzate in alcun modo se non previa richiesta. Grazie!

Alla prossima! Presto =)

GiuS

Annunci

2 thoughts on “Benedetti dall’acqua e dai colori

    • Grazie Calipso, apprezzo molto i complimenti per le foto, soprattutto se vengono da persone come te.
      Le “cose di chiesa” (riti, discorsi e quant’altro) credo siano più o meno apprezzabili a seconda di chi le presenta (o le officia) e, sebbene rispetti il tuo giudizio (e, credimi, lo capisca bene), ho avuto la fortuna di incontrare alcuni preti/frati e laici (giovani soprattutto, ma anche qualche “attempato”) che davvero li hanno portati ad un altro livello. Personalmente trovo invece patetiche molte delle persone che vi partecipano, ma ognuno è libero =) Certo, poi quando queste diventano la maggioranza, preferisco allontanarmi e cambiare aria anch’io (e la cosa è già successa).
      Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

todayesterday

ispirazioni fotografiche

Wild eyes

Taking nature's side

About giving and receiving

where love is to be distributed globally through writing

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: